Restauro: antico splendore di case e ville

restauro palazzo storico arcevia

Ville, casolari ed edifici antichi esercitano un forte fascino sugli amanti delle strutture architettoniche più belle, specialmente se hanno, grazie ad un sapiente restauro, una storia da raccontare e i segni delle epoche passate sono ancora evidenti su di essi.

san bernardino recanati restauro

San Bernardino (Recanati – MC): un rarissimo fabbricato rurale a pianta quadrata risalente al 1700, in attesa di restauro.

I segni del tempo sono infatti ciò che principalmente caratterizza gli edifici antichi, come quelli presenti sulle verdi colline marchigiane. Far sì che una villa o un casolare antico invecchi nel modo corretto non è sempre facile, spesso l’usura dovuta al clima, agli anni e all’abbandono ne deturpa la bellezza e la maggior parte dei tratti distintivi. Per questo la tecnica del restauro è tra le più importanti del settore.

La parola restauro deriva dal verbo “restaurare”, che a sua volta proviene dal latino e ha, da sempre, un duplice significato. Il concetto può voler dire infatti sia “rinnovare, rendere nuovo”, che “ristabilire in uno stato precedente”, implicando nel primo caso il rifacimento totale della struttura, anche a rischio di cancellarne l’autenticità ed unicità.

Noi di Marche Country Homes siamo più propensi ad accettare il secondo significato poiché amiamo il nostro territorio, così ricco di vecchie strutture da riportare ad antico splendore, e soprattutto amiamo la sua storia e non intendiamo pertanto in alcun modo eliminarla o sostituirla, ma donarle nuova vita.

Ogni angolo delle Marche, ogni sua provincia e paese, nasconde un prezioso, antico segreto da portare alla luce; il team Marche Country Homes agisce in un raggio ampissimo di attività e tra queste vi è anche il restauro di casolari, rustici e ville, unici nel loro genere e con un passato diverso da raccontare.

restauro palazzo Arcevia

 Restauro e ristrutturazione di un palazzo del ‘700 a Palazzo di Arcevia, a cura dello Studio di Architettura Sergio Marinelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *